Toyota Century: l’ammiraglia giapponese sarà al Salone di Tokyo

Toyota Century: l’ammiraglia giapponese sarà al Salone di Tokyo

Posted by

Toyota Century: l’ammiraglia giapponese sarà al Salone di Tokyo

L’”auto dell’Imperatore” sarà presentata, in terza generazione, a Tokyo 2017: abbina elementi di grande tradizione e classicità con un moderno sistema ibrido.

In Europa semisconosciuti, i modelli luxury della produzione giapponese fanno da lungo tempo parte delle lineup prodotte dalle principali Case del “Sol levante”. Si tratta di vetture che portano in dote una elevatissima cura nelle rifiniture, e una immagine di insieme generalmente molto tradizionale: corrispondenti, in linea di massima, al “top” della produzione europea.

A questa particolarissima nicchia di mercato appartiene Toyota Century, “super-ammiraglia” del colosso giapponese, che all’imminente Salone di Tokyo (in programma per il pubblico dal 28 ottobre al 5 novembre) sarà svelata nella terza generazione.

Un primo anticipo della imponente “tre volumi-quattro porte” – segmento al quale, per le esportazioni, fanno capo i modelli della gamma Lexus LS, anch’essa attesa a Tokyo 2017 in edizione-restyling tuttavia ben differente da Toyota Century per impostazione di disegno e meccanica – viene reso noto nel dettaglio delle caratteristiche progettuali e in una prima carrellata di immagini che mettono in evidenza la assoluta classicità di progetto.

Eccezionalmente longeva (come gran parte delle vetture di altissima gamma, e destinate ad una ristretta clientela che predilige la tradizione e le elevate rifiniture a “modernismi” di design), Toyota Century MY 2018 sarà la terza serie della super-ammiraglia Toyota: il debutto sul mercato va fatto risalire al lontano 1967; la prima generazione venne prodotta (con leggeri aggiornamenti periodici) addirittura fino al 1997, anno in cui fu sostituita dalla seconda serie. Un ventennio dopo, eccoci alla terza serie, che farà bella mostra di se al Salone di Tokyo.

Interamente impostata a mano, tenendo conto delle esigenze di assoluti comfort e discrezione richiesti dagli occupanti (ricordiamo, a titolo di esempio, che una speciale versione “Royal” in configurazione limousine e prodotta in quattro esemplari è dal 2006 in uso, per compiti istituzionali, all’Imperatore del Giappone), Toyota Century MY 2018 si caratterizza, fra le novità di rilievo, per un generale aumento delle dimensioni esterne: i nuovi ingombri non sono stati comunicati nella nota introduttiva da parte di Toyota; in ogni caso, saranno decisamente imponenti, tenuto conto che attualmente Toyota Century misura 5,27 m di lunghezza, 1,9 m di larghezza e 1,48 m di altezza, su un passo di 3.025 mm e un peso (in ordine di marcia) che sfiora le due tonnellate.

Un vero e proprio “transatlantico da strada”, che nella terza serie MY 2018 offrirà ulteriore spazio in più per gli occupanti i sedili posteriori (ciò dimostra che la vettura è stata sviluppata in previsione dell’impiego con autista). Lo stile del corpo vettura, assolutamente “squadrato” e che, ad una prima occhiata, può ricordare le linee di Rolls-Royce, crea un interessante contrasto fra l’aspetto classicamente rétro del disegno esteriore e alcuni elementi hi-tech (la fanaleria Full Led di nuova generazione, i gruppi ottici posteriori 3D).

È tuttavia all’interno che si notano le peculiarità tipiche del segmento “high-luxury”: tappezzeria che fa largo utilizzo di tessuti pregiati (fra i quali la lana 100%), legnami di assoluta qualità, sedili posteriori completamente regolabili e dotati di funzione massaggio, un pannello multifunzione LCD collocato nell’ampio bracciolo centrale per il completo controllo delle funzionalità di bordo e dell’infotainment (a questo proposito, si segnala la presenza di un modulo audio-video di intrattenimento per i passeggeri seduti “dietro”), impianto stereo a venti altoparlanti, rappresentano le principali attrattive per l’abitacolo di Toyota Century.

Sotto il cofano, la grande ammiraglia della produzione giapponese Toyota viene equipaggiata con un sistema di propulsione ibrido che abbina l’unità 5.0 V8 della famiglia “2UR-FSE” ad un motore elettrico alimentato a batterie al Nickel-metallo idruro: un tocco di modernità in un insieme che più “tradizionalista” non si può.

VROOOM

http://www.motormaniaci.net

Via http://www.motori.it/

Foto credit: http://www.motori.it/

Clicca qui per ricevere quotidianamente le nostre notizie via mail 

Clicca qui per ricevere in tempo reale quotidianamente le nostre notizie via Telegram 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *