I piani di Liberty Media mettono in crisi i vecchi nostalgici della F1

I piani di Liberty Media mettono in crisi i vecchi nostalgici della F1

Posted by

I piani di Liberty Media mettono in crisi i vecchi nostalgici della F1

Succedeva ai tempi di Bernie Ecclestone e succede anche oggi con Liberty Media. Ci riferiamo alla reazione di certi addetti ai lavori (molti dei quali solo presunti tali!) che, ad ogni novità introdotta, da introdurre o solamente indicata come probabile, si scatenano e fanno a gara a dire NO e a ricordare quanto era bella la Formula 1 di un tempo!

Una premessa è d’obbligo! Chi vi scrive, pur avendo “messo in guardia” più volte sul dopo Ecclestone, non ha certo accolto con particolare entusiasmo il lavoro fatto in questi dodici mesi da Chase Carey e dai suoi uomini. Al di là di poter valutare obiettivamente alcune scelte fatte, la critica più forte che mi sento di muovere ai vertici della nuova proprietà del Circus della F1 è quella di non aver ancora presentato un piano completo e concreto con le 10, 20, 30 novità che intendono mettere in pratica per “cambiare” lo sport dei motori più popolare al mondo.

Gli annunci più o meno ufficiali di questi mesi non hanno fatto altro che scatenare la crisi dei nostalgici di cui sopra, alimentarne l’insofferenza e provocare reazioni incontrollate sui social network.

Un primo esempio di argomento sul quale anche alcune penne di illustrissime firme del giornalismo sportivo si sono scatenate sono le “grid girls” e la loro presunta o reale abolizione! Ora, ditemi la verità: quanti di voi guardano una Gp di F1 perché ci sono le grid girl? E al contrario: quanti di voi non guarderebbe più un Gp se non ci fossero più le ragazze in griglia? Vi dirò di più: chi assiste dal vivo in circuito ad un week end di gara, difficilmente potrà incrociare una grid girl, impegnate solamente in pista sullo schieramento di partenza la domenica e poco più!

Un secondo esempio di argomento sul quale si è parlato e si continuerà a parlare ancora per un po’ di tempo è il probabile nuovo orario per il via dei Gran Premi in Europa. Il semaforo potrebbe spegnersi non più alle 14:00 ma alle 15:10! E dov’è il problema? Da un nostro sondaggio sull’argomento, abbiamo evinto che un 50% dei nostri lettori è contrario ad un cambio di orario ma 35 telespettatori su 100 si dicono indifferenti all’eventuale cambio e un 15% circa si è dichiarato favorevole! Il problema quindi direi che non sussiste!

Oltre ai due argomenti sopra citati, grid girls e orari di partenza delle gare, potremmo indicare anche altri temi che hanno messo in crisi i vecchi nostalgici della Formula 1, generando reazioni più o meno scomposte: dalle presunte modifiche al posizionamento delle monoposto in griglia di partenza, all’eventuale abolizione delle libere del venerdì mattina, dal vociferato aumento del numero di gare in una stagione, alle nuove regole sul merchandising, dai diritti TV alla piattaforma per lo streaming sul web dei week end di gara!

Per concludere vorrei però riprendere quanto anticipato anche nella premessa a questo post, provando, nel nostro piccolo, a dare un consiglio a Liberty Media. A quanto sappiamo, i Team di F1 sono già stati informati di tutta una serie di novità, alcune delle quali ancora in corso di valutazione e/o sulle quali sarà necessario un confronto, che potrebbero cambiare il Circus della F1 nei prossimi anni. Bene, il suggerimento che ci sentiamo di dare al Team di Carey è quello di presentare una versione di questo piano anche al grande pubblico in modo che si sappia la direzione verso la quale la nuova proprietà intende orientare la Formula 1. Per parlare con un concetto vicino a quello della politica, visto che siamo in piena campagna elettorale, a Liberty Media chiediamo di far sapere i punti principali del programma con il quale intendono governare la Formula 1 nei prossimi anni!

Non crediamo sia così difficile! E voi, cosa dite?

http://www.carlomauri.net

Via http://www.circusf1.com

Foto credit: http://www.circusf1.com

Clicca qui per ricevere quotidianamente le nostre notizie via mail 

Clicca qui per ricevere in tempo reale quotidianamente le nostre notizie via Telegram

Clicca qui per iscriverti al nostro canale video

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *