Blocco del traffico: Emilia Romagna, divieto Diesel Euro 4

In Emilia-Romagna sono stati superati i limiti di legge di Pm10 in quasi tutte le province a eccezione di Rimini e Ravenna. Dal 12 febbraio scatta dunque il divieto di circolazione per i veicoli diesel Euro 4. Comuni e veicoli interessati dal blocco

bloccotraffico.jpg

La qualità dell’aria in Emilia-Romagna peggiora. Per contrastare l’inquinamento, è stato quindi disposto un blocco del traffico da martedì 12 febbraio che riguarderà i veicoli diesel Euro 4, che non potranno circolare dalle ore 8.30 fino alle 18.30. La misura restrittiva resterà in vigore fino a giovedì 14 febbraio compreso, quando l’Arpae pubblicherà un nuovo bollettino. Secondo i dati diramati dal bollettino dell’Agenzia regionale per la prevenzione, l’ambiente e l’energia dell’Emilia-Romagna (Arpae), in quasi tutte le province, eccetto Rimini e Ravenna, della regione sono stati superati i limiti di legge di Pm10.

Blocco del traffico Emilia-Romagna: comuni e veicoli coinvolti

blocco traffico

A causa di un’allerta smog, a partire da martedì 12 febbraio fino a giovedì 14 febbraio compresi, sono in vigore misure emergenziali nei comuni delle province di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna e agglomerato urbano bolognese, Ferrara e Forlì-Cesena.

I comuni interessati sono: Bologna; Argelato (Bo); ; Calderara di Reno (Bo); Casalecchio di Reno (Bo); Castel Maggiore (Bo); Castenaso (Bo); Granarolo dell´Emilia (Bo); Imola (Bo); Ozzano dell´Emilia (Bo) ; Castenaso (Bo); San Lazzaro di Savena (Bo); Zola Predosa (BO).

Ferrara; Cento (Fe).

Cesena (Fc); Forlì.

Carpi (MO); Formigine (Mo); Sassuolo (MO).

Parma; Piacenza; Reggio Emilia.

Nell´area nord-occidentale i valori hanno superato la soglia limite fino a toccare 101 ug/m3 a Parma, 96 a Reggio Emilia e Piacenza, 94 a Modena e 89 a Ferrara nella giornata di domenica 10 febbraio. Anche a Bologna e nelle province orientali sono stati superati i limiti per le polveri, salvo a Ravenna e Rimini dove nella giornata del 10 febbraio sono rientrati sotto soglia.

Per contrastare il preoccupante fenomeno dell’inquinamento dell’aria, sono state così disposte alcune contromisure tra cui l´estensione dei limiti alla circolazione anche ai veicoli diesel euro 4. I limiti alla circolazione nei centri urbani per i veicoli più inquinanti restano validi, inoltre, tutti i giorni – compresi il sabato e la domenica – dalle 8,30 alle 18,30.

Ulteriori misure prevedono il diivieto di uso di biomasse per il riscaldamento domestico (in presenza di impianto alternativo) con classe di prestazione emissiva inferiore a 4 stelle; abbassamento del riscaldamento fino ad un massimo di 19°C nelle abitazioni e 17°C nei luoghi che ospitano attività produttive e artigianali; divieto di combustione all´aperto (residui vegetali, falò, barbecue, fuochi d´artificio ecc…); divieto di sosta con motore acceso per tutti i veicoli; potenziamento dei controlli sulla circolazione dei veicoli nei centri urbani e sulle altre misurdivieto di spandimento di liquami zootecnici senza tenciche ecosostenibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: