Subaru Outback, sesta generazione è ancora più crossover

(ANSA) – ROMA, 16 FEB – Outback, uno dei modelli più celebri
e apprezzati di Subaru, arriva alla sua sesta generazione e –
come è abitudine per la Casa delle Pleiadi che ha anche un
grande rispetto per i molti clienti che l’hanno scelta – evolve
radicalmente ma senza rivoluzioni estetiche.

Un atteggiamento questo che dal 1995 ad oggi ha portato
Outback a crescere, a cambiare perfino tipologia – le prime
generazioni erano station wagon pure – ma ha restare un esempio
quasi unico di auto premium che premium non vuole essere, di
modello sportivo che non è assolutamente aggressivo e di
proposta di mobilità sempre in linea con i momenti e le esigenze
dei clienti. Sempre solidamente basata sui valori della
trasmissione Subaru Symmetrical AWD e del motore Boxer, Outback sale ora un ulteriore gradino in quanto a
solidità, sicurezza, spazio a bordo e confort, con una immagine
esterna ammodernata ma senza concessioni a eccessivi modernismi.

Come ribadisce la stessa Subaru, Outback MY21 è un ‘contenitore’
dove all’estetica si unisce indissolubilmente la sostanza’,
valore questo rappresentato delle più avanzate tecnologie e dal
debutto della architettura SGP (Subaru Global Platform) che ha
permesso di aumentare la rigidità torsionale del 70% e quella
flessionale frontale/laterale del 100% oltre a migliorare la
rigidità nell’area sospensioni anteriori del 70% e quella del
sottotelaio posteriore del 100%.

Inoltre la diversa costruzione della struttura – una
sorta di ‘gabbia’ attorno all’abitacolo, ha aumentato
ulteriormente la sicurezza passiva in caso di collisioni
frontali, laterali e posteriori potendo scaricare sull’intera
scocca le forze che si generano in caso di urto.

Nuova Subaru Outback MY21 rispecchia le esigenze della
clientela di oggi, più attenta ed informata, che desidera
guidare una vettura affidabile, durevole nel tempo ma
particolarmente attenta alla sicurezza sia dei propri passeggeri
che di quanti circolano attorno a lei quali: le altre auto, i
pedoni ed i ciclisti.

Contribuisce a questo miglioramento l’esclusivo sistema
EyeSight, di serie su tutti gli allestimenti, che è stato
oggetto di importanti aggiornamenti ed evoluzioni sulla base
dell’analisi di un grande numero di dati relativi ad incidenti
stradali. La sesta generazione di Outback utilizza il motore
Boxer a benzina 2,5 FB25, profondamente modificato – ad esempio
con aggiunta del nuovo filtro GPF – per essere in regola con i
nuovi standard (ciclo WLTP) sulle emissioni. Un obiettivo
raggiunto migliorando quasi il 90% dei suoi componenti, primo
tra tutti il sistema di iniezione del carburante che è ora
diretto con vantaggi per l’erogazione della potenza (169 Cv) che
della coppia (252 Nm a 4000 giri) e assicurando un funzionamento
più fluido, rotondo e con emissioni e consumi ridotti. Presente
anche una specifica versione del cambio a variazione continua
CVT Lineartronic TR58 per adattarlo al meglio a questa nuova
serie della Outback, con l’80% delle parti strutturali di questo
cambio riviste o modificate per migliorare la guidabilità e
ridurre le emissioni. L’ampliamento del rapporto di trasmissione
tra le due pulegge è stato utilizzato anche per aumentare il
numero delle marce ‘virtuali’ disponibili nell’uso manuale che
passano da 7 a 8. Gli interni della nuova Outback, realizzati con materiali
pregiati, offrono maggior spazio sia ai passeggeri anteriori che
posteriori grazie al passo maggiorato e alla nuova posizione del
montante del parabrezza. Spiccano il display touchscreen da 11,6
pollici, montato verticalmente, facile da usare e capace di cmbiare il look della vettura, che ora è decisamente premium.

Tra le tante tecnologie presenti da segnalare anche il Driver Monitoring System, un sistema di riconoscimento facciale
che, attraverso un’apposita telecamera, rileva eventuali segnali
di fatica o mancanza di attenzione del guidatore. Il DMS può
riconoscere fino a cinque guidatori, memorizzando
preventivamente una serie di impostazioni, per offrire
un’esperienza di guida confortevole e personalizzata. (ANSA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *