Capirossi e il funerale di Gresini proibito dal Covid: “Rispetterò sempre le regole”

L’imolese chiarisce la frase “Al 100% andrò anche se non posso muovermi” al nostro giornale: “Intendevo che farò di tutto per salutare il mio amico, non infrangerò i divieti di spostamento”

Le parole dettate dall’emozione che qualcuno utilizza per montare la polemica. La frase con cui Loris Capirossi sull’intervista alla Gazzetta dello Sport diceva di voler partecipare “al 100%” ai funerali di Fausto Gresini, “non me ne frega se non posso muovermi”, hanno fatto nascere la polemica sul web da parte di chi accusa l’ex iridato della 125 e 250, compagno di squadra di Gresini e oggi membro della Direzione Gara della MotoGP, di sentirsi al di sopra della legge e quindi immune a ogni restrizione imposta in questo momento di pandemia.

Speranza

—  

“Ma non è assolutamente così – spiega Capirossi -, quello che volevo dire è che farò tutto il possibile, se sarà possibile, per potere assistere all’addio al mio amico, quando la famiglia deciderà la data del funerale. In questi mesi ho sempre rispettato divieti e restrizioni e continuerò a farlo. Mi spiace che sia passato un messaggio sbagliato, la mia sola speranza è quello di potere salutare per l’ultima volta quello che è stato uno dei miei più grandi amici”.

Fonte: https://www.gazzetta.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *