Qatar, scatta subito l’Aprilia con Espargaro. Morbidelli 7°, Rossi 14°

Prima giornata di lavoro a Losail per i team in vista del Mondiale che scatta il 28 marzo. Lo spagnolo di Noale il più veloce davanti a Bradl e Mir

Sette ore di test per riprendere confidenza con le moto. Dopo l’annullamento delle prove in Malesia, la MotoGP ha riacceso i motori ieri, ma solo oggi sul circuito di Losail, dove il 28 marzo partirà la stagione 2021, si sono rivisti in sella i big. Dal campione del mondo Joan Mir sulla Suzuki rivelazione del 2020, a Valentino Rossi con il suo nuovo team Petronas Yamaha, dagli esordienti Francesco Bagnaia e Jack Miller con la Ducati ufficiale, a Danilo Petrucci con la KTM Tech 3 e Fabio Quartararo, da quest’anno sulla Yamaha ufficiale. Il più veloce a fine giornata è stato un sorprendente Aleix Espargaro (Aprilia Racing Team Gresini), con il tempo di 1’54”687, ottenuto al 42° delle sue 57 tornate. E, anche se nessuno ha girato con l’assillo del cronometro, per lo spagnolo è comunque un bel cominciare, che chissà quanta gioia avrebbe dato allo scomparso Fausto.

Ruggine

—  

Questo sabato è servito soprattutto a togliere la ruggine delle ferie invernali forzate. In molti hanno usato le moto dello scorso anno (le quattro Honda, del team ufficiale e di LCR, sono le stesse usate alla fine del 2020), altri hanno già potuto saggiare in pista qualche novità, come Maverick Vinales con il forcellone in carbonio della sua Yamaha o Bagnaia con la nuova carenatura. Dietro Aleix Espargaro’ i tempi migliori li hanno ottenuti Stefan Bradl (+0.256, Honda), Mir (+0.293), Miller (+0.335), Miguel Oliveira (+0.397) KTM) e Johan Zarco (+0.423, Ducati Pramac).

Gli italiani

—  

Franco Morbidelli (Petronas Yamaha), settimo, è stato il migliore dei piloti italiani. Bagnaia (autore di una caduta) ha chiuso 13°, Rossi 14°, davanti a Quartararo, Lorenzo Savadori (con la seconda Aprilia) 19°, Petrucci 23°. Classifica i cui valori al momento non possono essere definitivi. Piuttosto è significativo che quasi tutti abbiano percorso l’equivalente di tre-quattro gran premi, un bell’allenamento in preparazione delle prime gare.

Fonte: https://www.gazzetta.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *