Minaccia M-Sport: “Niente WRC ibrido nel 2022? Ce ne andiamo!”

Il Team Principal del team portacolori di Ford, Richard Millener, non ha gradito i ritardi che la Compact Dynamics sta avendo nella produzione delle batterie da 100kW da abbinare al pacchetto delle vetture Rally1 da 1.6 litri.

La settimana scorsa l’azienda tedesca ha chiesto a M-Sport, Toyota e Hyundai di riavere i materiali che erano stati consegnati e ciò fa pensare che l’era ibrida – annunciata nel Consiglio Mondiale di ottobre – possa essere ritardata ulteriormente.

“Le nuove regole saranno le migliori per gli spettatori, ma ho letto in giro che potrebbero slittare di un anno e non siamo per nulla a favore di questa cosa”, ha detto Millener paventando l’ipotesi che M-Sport e Ford Motor Company possano lasciare sole Toyota e Hyundai”.

“Tanto per cominciare, se dovesse verificarsi questa cosa non ci saremo di sicuro, poi i risultati migliori si ottengono quando tutti sono sotto pressione per costruire una macchina nuova e dunque penso che l’anno prossimo sarà un bel campionato. Ma saremo qui grazie a Ford solo se comincerà l’era ibrida”.

“Senza Ford, il suo aiuto e le sue conoscenze, non potremo certo affrontare questa novità, visto che sono loro gli esperti di batterie e tecnologie come questa. Questa collaborazione sarebbe vitale e a dirla tutta, quest’anno si è fatta sentire più che mai”.

M-Sport era stata la prima a mostrare un prototipo di Rally1 col nuovo kit a Greystoke Forest, mentre anche la Toyota ha già completato il suo esemplare, come affermato a Motorsport.com da Jari-Matti Latvala.

Mentre il lavoro sulla vettura Rally1 di M-Sport è andato avanti costantemente, e gli ingegneri hanno immagazzinato i primi dati su cui lavorare, Millener ha ammesso che la recente richiesta della Compact Dynamic non era del tutto inattesa.

“Penso che dovremmo essere ragionevoli e aspettarci che ci saranno altre battute d’arresto. Non è colpa di nessuno, ma appena queste nuove auto vengono testate si presentano scenari nuovi e imprevisti, quindi è logico che Compact Dynamics non possa darci qualcosa senza difetti essendo al primo tentativo”.

“Ci sono stati alcuni problemi, ma non c’è motivo di ansia in tutto ciò. Siamo tutti sulla stessa barca e nessuno può farci niente, è la situazione attuale e la dobbiamo affrontare sapendo che c’è ancora molto lavoro da fare. Ogni fase iniziale di sviluppo di una macchina deve garantire che gli altri aspetti meccanici siano a posto, senza problemi, cosa che abbiamo ottenuto nelle ultime sessioni svolte nel Regno Unito”

“Abbiamo già avuto alcune unità ibride e siamo stati in grado di lavorare per iniziare a capirla, quindi sì, c’è ancora molto da fare e c’è un’enorme quantità di lavoro in corso dietro le quinte. Ma si tratta degli stessi ritardi e intoppi per tutti, per cui in qualche modo è ciò che rende interessante la cosa. Sicuramente c’è un po’ di stress al momento, ma l’obiettivo è quello di essere pronti a gennaio e siamo tutti alla pari ora”.

condivisioni

commenti

Fonte: https://it.motorsport.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *