Silk Way Rally 2021, un’avventura di 5400 km da Omsk a Ulan Bator

Si disputerà nella prima metà di luglio, per dieci giorni di pura avventura tra la Russia e la Mongolia: è il Silk Way Rally 2021, che prenderà il via quest’estate nel rispetto delle norme anti-Covid

Si disputerà nella prima metà di luglio, per dieci giorni di pura avventura tra la Russia e la Mongolia: è il Silk Way Rally 2021, unico rally marathon della stagione che costituisce prova valida sia per la Coppa del Mondo Fia di Cross-Country Rally, sia per il Campionato mondiale Fim di Cross Country. Auto e moto dunque, che si sfideranno sui 5.400 km di un percorso che poterà i partecipanti da Omsk (Russia) a Ulan Bator, cuore della Mongolia di Gengis Khan.

IL PROGRAMMA

—  

Dieci tappe, 3.300 chilometri di speciali, per un viaggio attraverso la Taiga russa alla volta dei monti Altai, pronti ad immergersi tra le dune mongole: quest’anno il rally della Via della Seta non “sconfinerà” in Cina, ma non per questo sarà meno emozionante. Si partirà l’1 luglio da Omsk, dove verranno sbrigate tutte le pratiche amministrative, e si taglierà il traguardo l’11 luglio a Ulan Bator. Tra le novità di quest’anno c’è l’introduzione della categoria G-Moto Challange (Malle Moto), riservata agli amatori e limitata ai primi 15 iscritti. Da segnalare anche la Historic Adventure, destinata come suggerisce il nome ai veicoli fabbricati prima del 2000. Ovviamente tutto si svolgerà nel massimo rispetto delle norme sanitarie: tutti i partecipanti saranno sottoposti al tampone e a regolari controlli della temperatura corporea, misure che andranno a sommarsi alle solite regole che ormai siamo tutti abituati a osservare (mascherine, distanziamento sociale ecc). Le iscrizioni, aperte fino al 15 maggio, si possono effettuare a questo link.

Fonte: https://www.gazzetta.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *