WEC | Porsche e Audi adotteranno un V8 biturbo per le LMDh

Carica lettore audio

Emergono nuovi dettagli sulla power unit che equipaggerà la vettura Porsche in LMDh. Stando a quanto dichiarato dalla Casa tedesca, il motore utilizzato in occasione dello shakedown avvenuto questo mese è un V8 biturbo.

Questo propulsore sarà adottato anche dalla “sorella” Audi, altro brand del Gruppo Volkswagen, e secondo quanto affermato dal nuovo responsabile motorsport del marchio, Thomas Laudenbach,  è basato su una unità di produzione e non è stato progettato appositamente per le corse.

“Abbiamo avuto l’imbarazzo della scelta per il motore del nostro prototipo LMDh perché la gamma di prodotti presente offriva diversa unità di base davvero promettenti”.

“Abbiamo optato per il V8 biturbo perché riteniamo offra la migliore combinazione tra prestazioni, peso e costi”.

L’univo V8 presente attualmente nella gamma Porsche è il 4.0 litri biturbo ad iniezione diretta adottato sia sulla Panamera che sulla Cayenne. Il nuovo motore ha rispettato le aspettative in occasione dei primi test andati in scena al centro prove Porsche di Weissach.

Prime immagini di Porsche X Hypercar by Porsche Penske Motorsport

Prime immagini di Porsche X Hypercar by Porsche Penske Motorsport

Photo by: Porsche Motorsport

Urs Kuratle, responsabile generale del programma LMDh, ha confermato come tutto sia filato liscio al debutto.

“Durante questi primi giorni di test a Weissach il V8 biturbo ci ha impressionato sotto ogni aspetto. Siamo convinti di aver scelto l’unità giusta”.

Porsche ha dichiarato come la potenza massima del propulsore che equipaggerà la sua LMDh si troverà nell’intervallo tra 480 e 520 kW, in linea con i regolamenti previsti per la nuova categoria.

La potenza combinata del motore a combustione e del sistema ibrido da 40 kW, sviluppato da Williams Advanced Engineering, Bosch e Xtrac, è limitata a 520 kW per la 24 Ore di Le Mans e 500 kW per le altre gare.

Porsche: il motore V8 pesa 180 Kg

Tra le altre, poche, informazioni fornite da Porsche si è venuto a conoscenza del numero massimo di giri raggiungibili dal motore, 10.000, e del peso di 180 Kg dell’unità completa dei sistemi di induzione e scarico così come previsto da regolamento.

Il motore Porsche è anche completamente compatibile con il nuovo biocarburante che il fornitore del WEC, la TotalEnergies, introdurrà nella stagione 2022.

La Casa tedesca ha rivelato anche che sarà il team Penske a gestire le operazioni sia nel WEC che in IMSA dal prossimo anno.

Frédéric Makowiecki, Porsche LMDh

Frédéric Makowiecki, Porsche LMDh

Photo by: Porsche

“La squadra ha lavorato bene fin dall’inizio” ha proseguito Kuratle. “Questo dimostra un alto livello di professionalità in tutte le aree. I requisiti operativi per il funzionamento sicuro di un veicolo ibrido sono elevati e nelle prossime uscite ci concentreremo sull’approfondimento dei processi e delle procedure richieste”.

Stando ai programmi previsti dalla Casa di Stoccarda, i prossimi test sono previsti su un tracciato di gara vero e proprio entro la fine di gennaio.

condivisioni

commenti

Fonte: https://it.motorsport.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *