Al COTA la riasfaltatura è quasi terminata

“Le curve 9 e 10 erano facili da determinare perché abbiamo trovato lo scivolo che correva attraverso la pista, quindi sapevamo che dovevamo rinforzare perché era un punto debole. La realtà è che non è una buca, è una rientranza in entrambe le aree, quindi abbiamo pensato che lo spazio dello scivolo, quel vuoto, stesse creando quella flessibilità ed è lì che abbiamo pensato che il cemento sarebbe stato il materiale migliore per rinforzare la base della pista sopra lo scivolo”.

Fonte: https://www.motogp.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *