La moto di design con la “sella invisibile”

Si chiama Biancaneve, ed è una moto decisamente originale con una “sella invisibile” e altre interessanti particolarità, creata pezzo per pezzo da due designer di professione. È praticamente impossibile capire di primo acchito la provenienza, la moto originale da cui deriva. E questo è un merito che bisogna riconoscere a Dotto Creations, la Casa torinese, anzi il Laboratorio da cui tutto è nato.

Biancaneve di Dotto Creations: un progetto ambizioso

È una via di mezzo fra un’opera d’arte e un concept, una moto che sa catturare gli sguardi grazie a vari accorgimenti che la rendono particolarissima, una creatura che nemmeno stonerebbe se piazzata in un salotto super moderno. Francesco Iannuzzi e Gianluca Bartolini sono i due designer cui accennavamo, coloro che stanno dietro alla Dotto Creations e, anche al progetto in questione: Biancaneve.

Difficile dirlo, ma alla base c’è la Honda CX 500 del 1979, moto che è stata praticamente smembrata pezzo per pezzo, restaurata e riassemblata completamente. L’obiettivo è stato sì riportare la meccanica allo splendore e ai livelli di affidabilità originali, ma soprattutto donarle una nuova veste, uno splendore tutto nuovo che, per ovvi motivi, ha necessitato delle sapienti mani e menti di due designer di professione. È questa la prima fatica della Dotto Creations, che sul sito web ufficiale tiene e precisare quanto segue: “Il nostro obiettivo è stato diverso: decidere che cosa vale la pena tenere ed eliminare tutto il resto. Mantenere esclusivamente l’essenza di ciò che vogliamo comunicare e farlo nel modo più semplice”.

Una moto che vive “due stati”

L’obiettivo della moto con la “sella invisibile” della Dotto Creations è chiaro: Biancaneve deve stupire sia quando è parcheggiata che quando la si guida. I due designer l’hanno progettata proprio tenendo come riferimento i due momenti che questa, ma anche altre due ruote creative, vivono. Da parcheggiata è bene che esprima i tratti della personalità del proprietario, svelandone magari la passione per l’avventura, la ricerca dell’adrenalina, della velocità estrema. Nel nostro caso, ad esempio quello che più emerge è il minimalismo, l’originalità, la ricerca dello stile attraverso diverse peculiarità che la rendono praticamente unica. Basti pensare alla “sella invisibile” integrata nel guscio unico della carrozzeria, un tocco di stile che fa strabuzzare gli occhi.

La sella invisibile della moto Biancaneve di Dotto Creations

Una via di mezzo fra concept e opera d’arte: è la moto con la “sella invisibile” di Dotto Creations

Quando è il momento di partire, una parte della scocca che va a formare il guscio unico di Biancaneve scivola verso l’esterno, svelando la seduta minimale in Alcantara. Ed è proprio qui che la moto mostra la sua seconda natura, l’altro “stato” che Dotto Creations tiene a sottolineare. Accenniamo all’esperienza di guida, che il duo creativo non ha stravolto: “durante la progettazione la si può migliorare a livello di prestazioni ma noi abbiamo deciso semplicemente di mantenerla godibile”. In estrema sintesi: “Vuole essere una scultura quando parcheggiata ma dare un’esperienza di guida fluida quando necessario”. Per altre informazioni, per i prezzi e per fugare eventuali dubbi basta andare sul sito e compilare il form dedicato.

Fonte: https://motori.virgilio.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.