Dakar | L’edizione 2023 sarà disputata su 14 tappe

Carica lettore audio

La quarantacinquesima edizione della Dakar prenderà il via con breve prologo dalle rive del Mar Rosso il 31 dicembre 2022 ed i risultati di questo evento determineranno l’ordine di partenza della prima tappa che scatterà il giorno di Capodanno.

Da lì in poi il rally si sposterà verso est, con tre tappe – compresa la marathon – che si svolgeranno nel deserto noto come Empty Quarter.

La Dakar si concluderà il 15 gennaio a Dammam, sulla costa orientale del Paese, ma il programma completo – compreso l’ormai tradizionale giorno di riposo – sarà annunciato prossimamente.

Non sono state ancora fornite informazioni sulla distanza che i con concorrenti copriranno nel corso delle due settimane viaggiando da un capo all’altro dell’Arabia Saudita, ma l’ASO ha dichiarato che il 70% del percorso sarà nuovo rispetto a quanto visto negli ultimi due anni.

Questa sarà la prima volta dal 2018 che la Dakar si disputerà su 14 tappe da quando Perù, Argentina e Bolivia hanno ospitato congiuntamente l’evento in Sud America.

#225 Toyota Gazoo Racing Toyota: Henk Lategan, Brett Cummings

#225 Toyota Gazoo Racing Toyota: Henk Lategan, Brett Cummings

Photo by: Toyota Racing

Il percorso è stato ridotto a sole 10 tappe nel 2019, quando il Perù è diventato l’unica nazione ospitante dopo che il Cile si è ritirato dalla partecipazione all’ultimo minuto e le trattative con le altre nazioni latine si sono arenate.

L’ASO è riuscita a portare il numero di tappe a 12 quando ha spostato la Dakar in Medio Oriente nel 2020, ma si trattava comunque di un numero inferiore rispetto a quello cui erano abituati la maggior parte dei piloti dell’era sudamericana del rally raid.

L’annuncio odierno conferma che la Dakar si svolgerà interamente in Arabia Saudita per il terzo anno consecutivo nonostante la clausola di esclusività della nazione si scaduta dopo l’evento inaugurale del 2020.

In passato erano stati fattori esterni, come la pandemia da COVID-19, a costringere l’ASO a far svolgere la Dakar intermente in Arabia Saudita anche se l’organizzatore ha espresso più volte il desiderio di rendere il rally un evento da disputare in più paesi.

Altri cambiamenti

L’ASO ha anche annunciato una serie di modifiche regolamentari per la Dakar 2023 che interesseranno i concorrenti di varie classi.

In primo luogo tutti i piloti della categoria moto riceveranno un roadbook digitale conformandosi così a quando già visto da tempo sia per le auto che per i camion.

L’ASO ha poi aggiunto che non ci saranno sezioni neutre per i concorrenti delle sottodivisioni T1 e T2 della categoria auto, e questo significa che ogni tappa si svolgerà ininterrottamente per tutto il giorno senza pause.

Ci sarà anche una maggiore attenzione alla navigazione, con i concorrenti che dovranno trovare punti diversi in due luoghi diversi in alcune tappe.

Inoltre le auto ed i camion partiranno per ogni tappa nell’ordine di classifica generale determinato dalla classifica di arrivo del giorno precedente.

condivisioni

commenti

Fonte: https://it.motorsport.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *