WRC | Alpine interessata a entrare nel Mondiale Rally

Carica lettore audio

Luca De Meo, amministratore delegato di Renault, è da sempre un grande sostenitore del motorsport come veicolo perfetto per cercare di pubblicizzare al meglio i prodotti automotive di una Casa. Lo è per questioni puramente commerciali, ma anche per passione.

Non è un dato da sottovalutare. Nessuno dei due, in realtà, lo è. Da quando De Meo è diventato CEO, il Gruppo Renault ha iniziato a spingere ancora più forte nello sport a motori. Alpine ha rinominato il team di Enstone che portava il nome di Renault; Alpine è presente nel WEC e continuerà ad esserlo. Ma c’è molto di più.

L’idea dei vertici della Casa transalpina è quella di ampliare ancora il proprio palcoscenico e diventare ulteriormente protagonista entrando in altre categorie. Non solo pista, ma anche fuori pista.

Nei piani di Alpine c’è infatti il WRC e la Dakar. La Casa francese punta sull’elettrico, dunque per il prossimo futuro vederla partecipare al Rally Raid più celebre al mondo sarà più facile. Ma la sfida che forse potrebbe intrigare maggiormente è proprio quella del WRC.

Non è un caso che Davide Brivio, direttore dei progetti in espansione di Alpine, sia stato al Rally del Portogallo all’inizio del mese di maggio. L’ex team principal della Suzuki ha incontrato i vertici della FIA, presenti in terra lusitana per festeggiare i 50 anni del WRC, proprio per capire quali siano le intenzioni della Federazione nel prossimo futuro.

 

Alpine punta forte sull’elettrico ed è per questo che il WRC è a oggi il progetto più lontano dalla realizzazione. L’attuale regolamento tecnico del WRC prevede la propulsione ibrida e sarà così sino al termine del 2025. A quel punto, però, la FIA potrebbe anche riconsiderare alcune basi di quel regolamento per venire incontro a chi pensa di poter entrare nella massima serie rally.

“Sono interessato a esplorare”, ha detto De Meo. “Bisogna vedere se ci sono le condizioni per correre nel WRC; ma voglio farlo con una vettura elettrica. Attualmente, questo, non è possibile. Voglio anche fare la Dakar”.

La presenza di Brivio in Portogallo dice tanto sulla volontà di Alpine di poter entrare nel WRC nel corso degli anni a venire. La vettura prescelta potrebbe arrivare a breve: infatti c’è chi indica nella A5 il mezzo perfetto per costruire una vettura per il WRC.

Per il WRC l’interesse di una Casa così importante dà grande valore al futuro di una categoria che da troppi anni annovera solo 2 Case e mezza. Lo ha detto il presidente della FIA Mohammed Ben Sulayem, ma è un pensiero che, in qualche modo, tutti hanno fatto.

condivisioni

commenti

Fonte: https://it.motorsport.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *