Skoda, c’è l’interesse per entrare nella classe top del WRC

Carica lettore audio

Skoda Motorsport s’è costruita la fama di schiacciasassi nel WRC2 nel lustro che è andato dal 2015 al 2019, quando la squadra ha corso in via ufficiale alla categoria inferiore a quella top del Mondiale Rally. Ritiratasi a fine 2019, sta pianificando di fare un clamoroso ritorno nel WRC.

Non si tratta di un progetto già avviato, perché alla Casa di Mlada Boleslav non interessa entrare con le regole attuali in vigore per la classe regina del Mondiale Rally, quelle che hanno disegnato le Rally1, le prime vetture ibride della storia del campionato.

L’obiettivo, infatti, è quello di capire quali possano essere le idee della FIA per il futuro delle attuali Rally1. Il regolamento tecnico attuale concluderà il suo ciclo alla fine del 2025, ma è il discussione il suo prolungamento di altri 2 anni, fino al 2027.

E’ importante però sottolineare come la FIA voglia modificare l’attuale regolamento tecnico, nato e realizzato sotto la direzione di Yves Matton (e, quindi, nell’era Todt). Le “due case e mezzo” come le ha definite il presidente Mohammed Ben Sulayem non sono sufficienti per una categoria che ha bisogno di uscire dallo stallo in cui è entrata dopo l’addio di Citroen Racing, avvenuto a fine 2019.

Nikolay Gryazin, Konstantin Aleksandrov, Toksport WRT 2 Skoda Fabia Evo Rally2

Nikolay Gryazin, Konstantin Aleksandrov, Toksport WRT 2 Skoda Fabia Evo Rally2

Photo by: Red Bull Content Pool

Skoda, così come altre case interessate a entrare nel WRC di cui vi abbiamo parlato negli ultimi giorni, vede l’elettrico come una reale possibilità per promuovere le proprie vetture stradali. Proprio nel corso delle ultime settimane la Casa ceca ha annunciato tre nuovi modelli full electric che arriveranno nei prossimi anni.

Per questo motivo ci sono Case che stanno parlando con la FIA. Capire la direzione che prenderanno i nuovi regolamenti sarà fondamentale per capire chi potrà entrare o meno nel WRC.

Per il Mondiale Rally avere Skoda nella classe top sarebbe un grande colpo. Nel quinquennio dominante nel WRC2 il marchio di Mlada Boleslav non ha solo vinto tutti i campionati Costruttori, ma ha anche lanciato piloti del calibro di Esapekka Lappi – che oggi divide il sedile della terza Toyota GR Yaris Rally1 con Sébastien Ogier – e dell’attuale leader del Mondiale, Kalle Rovanpera.

Non possiamo poi dimenticare l’impatto che ha avuto la Fabia R5 (seguita dalla Rally2 Evo). Una vettura dominante nel Mondiale, ma anche in tanti campionati nazionali in cui ha vinto rally e titoli. Skoda farà esordire a breve la nuova Fabia Rally2 a cui Kris Meeke ha contribuito nello sviluppo.

Per ora si tratta di discorsi tra la Casa e la FIA. E’ chiaro però che l’interesse di 3 Case così importanti come Alpine, Opel e la stessa Skoda non possano lasciare indifferenti. E, se son rose…

Leggi anche:

condivisioni

commenti

Fonte: https://it.motorsport.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *