WEC | Seconda gara americana? Ok di Penske e Peugeot, no Toyota

Carica lettore audio

All’inizio dell’anno, Roger Penske ha rivelato di aver avuto colloqui con il WEC per organizzare una gara sul tracciato americano, che in passato ha ospitato eventi di Formula 1 dal 2000 al 2007, affermando che il progetto aveva priorità per lui.

I colloqui erano avvenuti prima che la sua squadra si unisse alla Porsche per il suo programma LMDh sia nel WEC che nell’IMSA SportsCar Championship a partire dal 2023.

Gli Stati Uniti sono già rappresentati nel calendario del WEC, con il Sebring International Raceway che ospita ogni anno la gara di apertura nell’ambito di un weekend congiunto con l’IMSA, evento di grandissimo successo.

Il capo del WEC, Frédéric Lequien, ha già detto di essere disposto a prendere in considerazione la possibilità di espandere la presenza della serie negli Stati Uniti, ma ha escluso l’aggiunta di una seconda gara a breve termine.

Alla richiesta di un parere sul calendario del WEC, il direttore tecnico della Toyota, Pascal Vasselon, ha detto che è importante per il campionato avere un mix di eventi in diversi continenti invece di concentrarsi su uno in particolare.

“Quando si hanno 24 gare come la F1, si possono avere diversi appuntamenti negli Stati Uniti – ha detto Vasselon, riferendosi al fatto che negli ultimi anni la F1 ha aggiunto Miami e Las Vegas al round di Austin – Nel nostro caso dobbiamo essere un po’ più attenti alla distribuzione tra i continenti”.

“Quando si ha già una gara negli Stati Uniti, forse è meglio andare altrove, oltre al fatto che bisogna pensarci bene. Abbiamo una lista di possibili opzioni. Potremmo tornare anche a Silverstone, ci sono molti tracciati”.

#8 Toyota Gazoo Racing Toyota GR010 - Hybrid: Sébastien Buemi, Brendon Hartley, Ryo Hirakawa

#8 Toyota Gazoo Racing Toyota GR010 – Hybrid: Sébastien Buemi, Brendon Hartley, Ryo Hirakawa

Photo by: Paul Foster

Il WEC ha dovuto ridurre il calendario da otto eventi a soli sei sia nel 2021 che nel 2022 dopo la pandemia COVID-19, e da allora ha adottato un approccio graduale per tornare al passato.

L’anno prossimo aggiungerà un nuovo appuntamento a Portimao, in Portogallo, con un’ottava tappa prevista per il 2024 in una località ancora da definire.

Vasselon ammette che è importante per il WEC avere un calendario più lungo, ritenendo che sei gare all’anno siano semplicemente troppo poche dal punto di vista dei team.

“Siamo felici di avere un po’ più di gare nel 2023, perché al momento si corre ogni due mesi e tra una gara e l’altra passa davvero troppo tempo ed è facile perdere la concentrazione”, ha detto.

“Dovremmo arrivare a otto gare. Sei non sono davvero sufficienti per capire bene come va la stagione. è facile perdere la bussola”.

Peugeot vuole un appuntamento in Sud America

Il WEC ha avuto una presenza fissa in Nord America sin dall’inizio del campionato nel 2012 attraverso l’evento statunitense, e ha anche avuto un secondo round in Messico nel 2016 e nel 2017, ma il Sud America è assente dal calendario del WEC dall’ultimo appuntamento brasiliano della serie nel 2014.

Peugeot spera che il WEC possa organizzare una gara in Sud America nei prossimi anni, consentendo al marchio di sfruttare la sua forte presenza sul mercato di quella regione.

Il costruttore francese vuole anche che la serie espanda la sua copertura televisiva in Europa prima dell’inizio di quella che è stata definita una nuova era d’oro delle corse endurance.

“Ci piacerebbe andare in Sud America perché ha persone appassionate di motorsport – ha detto il boss di Peugeot Motorsport, Jean-Marc Finot – Per il marchio Peugeot è interessante avere visibilità in Sud America, in Brasile, Argentina o Cile. Se ci fosse un’opportunità, la sosterremmo”.

“Il Portogallo è molto interessante ed è un grande mercato per noi. Non c’è problema ad andarci. Ci piacerebbe anche avere una tappa anche in Spagna e una migliore trasmissione TV del WEC in Europa”.

“C’è Eurosport, ma non c’è un canale gratuito in Italia, Portogallo, Spagna, Regno Unito e ci piacerebbe che questi paesi potessero godersi il WEC e le nostre auto che combattono”.

condivisioni

commenti

Fonte: https://it.motorsport.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *