WRC | Il Safari Rally rimarrà nel calendario almeno fino al 2026

Carica lettore audio

Il WRC 2022 è appena iniziato, eppure il futuro è sempre nel mirino dei promotori del campionato così come della FIA e di tutti i promotori degli eventi che aspirano a far parte del calendario del Mondiale Rally per più anni. E’ il caso del Safari Rally.

I promotori dell’evento africano hanno infatti trovato l’accordo e firmato il prolungamento del contratto che farà rimanere il rally kenyano all’interno del WRC sino al 2026.

Un accordo molto importante tra le parti che si è concluso con la firma sui contratti ieri mattina, all’Automobile Club di Monaco, alla presenza del Ministro dello Sport kenyano Amina Mohamed e il managing director del promotori WRC, Jona Siebel.

Non è tutto, perché con l’accordo raggiunto tra le parti Amina Mohamed ha siglato diverse partnership con il WRC per ciò che riguarda lo sviluppo di talenti e conservazione del territorio, con l’aiuto di Phineas Kimathi, presidente della Federazione Motorsport del Kenya.

 

Amina Mohamed ha sottolineato come l’edizione 2022 del Safari Rally si terrà dal 23 al 26 giugno. “Vorrei ringraziare la FIA e i promotori del WRC per il loro nuovo benvenuto dopo il rinnovo del contratto che manterrà il Safari Rally all’interno del calendario del Mondiale”.

“Li ringrazio per la loro ospitalità a Monte-Carlo e per quello che fanno per il Safari Rally. Grazie al nuovo legame con loro, abbiamo attivato diverse partnership legati a progetti per il Kenya che prevede un lavoro sui nuovi talenti per il futuro, sperando che possano presto correre nel WRC, ma anche per ciò che riguarda il territorio”.

“Bisogna sottolineare come il Safari Rally sia stato tra gli eventi di maggior successo nel 2021 per ciò che riguarda i social media, con milioni di impression, ma anche per la nostra economia. Abbiamo stimato che il rally abbia portato diversi milioni di euro alle casse dello stato”.

Il Safari Rally è tornato ufficialmente nel calendario WRC nel 2020, ma a causa della prima ondata della pandemia di COVID-19 l’evento è stato cancellato e rimandato all’anno successivo. Nel 2021 l’evento si è regolarmente tenuto ed è stato vinto in extremis da Sébastien Ogier e Julien Ingrassia, i quali hanno approfittato del ritiro di Thierry Neuville e Martijn Wydaeghe mentre questi erano saldamente al comando dell’evento.

condivisioni

commenti

Fonte: https://it.motorsport.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.